La malattìa, come la guarigione e di conseguenza Reiki, sono energie che operano in parallelo su diversi piani di coscienza e agiscono sui diversi mondi che formano il nostro universo interiore ed esteriore. Questi mondi non sono isolati gli uni dagli altrima, come ogni cosa della realtà, interagiscono fra loro, sono interdipendenti, in modo tale che agendo su un piano l’azione si riflette anche sugli altri, ricordando in qualche modo la nota teoria dei vasi comunicanti.
Questi piani, nella dimensione del Macrocosmo sono: il Piano della Materia, il Piano del Divenire, il Piano della Mente, il Piano dello Spirito e il Piano del Divino.
Nel Microcosmo umano a questi piani corrispondono l’Istinto, l’Emozione, il Pensiero, la Coscienza e l’Illuminazione. Le modalità di interazione tra i vari piani sono costituite dal Bisogno, dall’Azione, dal Desiderio, dalla Preghiera e dal Servizio.
Così dagli istinti nascono i nostri bisogni e dal loro riconoscimento dipende la nostra interazione con la dimensione materiale. Dalle emozioni e dai sentimenti che proviamo si originano le nostre azioni, che sono la modalità con cui ci rapportiamo al divenire, al movimento incessante della realtà. Dai nostri pensieri, dai nostri progetti, dalle nostre
intenzioni emergono i desideri, che costituiscono nel loro insieme la capacità di sintonizzarsi con un progetto evolutivo, con un disegno cosmico che chiameremo Mente.
Infine, è dalla nostra più elevata sensibilità, dal Sé Superiore, dalla Coscienza Unificata che è uno con il tutto che emerge la preghiera e la meditazione che ci connettono con la dimensione spirituale e divina. Una volta raggiunta la Liberazione e il Contatto con la Realtà Suprema, saremo poi chiamati a svolgere con umiltà il nostro compito di «servitori».

 

L’Albero della Conoscenza

albero_conoscenza

Possiamo rappresentare i Piani della Realtà come se fossero le varie parti di cui è composto un albero.
Le radici e il suolo da cui traggono il nutrimento costituiscono il livello materiale, il tronco attraverso cui scorre la linfa è la dimensione emozionale, i rami che si protendono verso il cielo con foglie, fiori e frutti sono assimilabili alla dimensione progettuale, creativa e immaginativa mentre tutto ciò che circonda l’albero, il sole, l’aria, la pioggia, le stagioni, il tempo, la notte, gli insetti servono a permettere la vita e quindi sono facilmente riconducibili alla dimensione spirituale e divina. La capacità di superare le frustrazioni, di essere consapevoli degli istinti, delle pulsioni, dei sentimenti propri e altrui, di essere entusiasti, soddisfatti, di adottare atteggiamenti mentali creativi e positivi è lo scopo del II Livello di Reiki, dell’uso dei Simboli e dei Trattamenti di II e III Livello.
Quando avremo raggiunto una relativa sicurezza nella nostra capacità di essere consapevoli di ciò di cui abbiamo bisogno e di ottenerlo, quando avremo sperimentato il nostro potere creativo nel mondo e ci saremo conquistati la nostra autonomia, quando saremo entrati in contatto con i nostri desideri e avremo espresso il potere di realizzarli,
quando ci saremo aperti alla dimensione divina e ogni nostra azione sarà rivolta al beneficio dell’umanità, allora potremo autenticamente dire di essere riusciti a riconquistare il Paradiso Perduto, là dove si trova l’Albero della Vita. «Chiedete e vi sarà dato, cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto.»